Pubblicata il 22/02/2021
(19/02/2018 ore 02.32)

volevo così questi miei anni
di matura incoscienza,
di libertà ritrovata
ed autoaffermazione.

davvero così li sognavo?
così frivoli e seducenti,
annegati tra i piaceri,
ricordando ogni volto gaudente,
ogni mano sulla mia bocca,
ogni insolita richiesta
prontamente esaudita.
voglio ancora questo
mentre mi perdo nella notte
in letti estranei, con la gola
colma di saliva, senza respiro…
l'ho immaginata una fuga
spericolata e viziosa,
notti brave sconfitte solo dal mattino,
io che scivolo via con la luce.

ora ho solo voglia di addormentarmi
sul divano, a metà di un film, avvolta
nel pigiama di flanella e le tue braccia.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (4 voti)

Eh.... già. La sento tutta, la chiusa specialmente

il 23/02/2021 alle 06:49

Forse il senso di tutta la poesia sta nel verso: "Davvero così li sognavo?" Nussuno sa come possono evolvere e mutare i sogni di gioventù.

il 23/02/2021 alle 08:28

il pigiama con un bell'orsacchiotto disegnato sopra...il riposo del guerriero, mai banale tu, mai banale..

il 23/02/2021 alle 08:28

Un'altra poesia stupendamente carnale e dolcissima.

il 13/03/2021 alle 02:34