Pubblicata il 16/02/2021
Conosco una donna che vive
nel folto di un incalzante silenzio,
accarezzando le palpebre del tempo,
spingendo lo sguardo verso il sole:
vede i millenni scorrere ai suoi piedi
come un fiume di uomini e parole.

lei attraversa secoli alberati
con le scarpe bianche di solitudine,
condivide i sonni delle colline
masticando pane di trincee.

ogni sera, discorrendo
con le ceneri dei suoi sogni,
spinge la mente oltre la luna
e con sguardo di sagittario trafigge
il limitare di un cielo addormentato.

di quanto pane, di quanto pane
si dovrà privare
per raggiungere l’altezza delle stelle
rifuggendo il vuoto di abitudini?
quanto mare,
quanto mare dovrà svuotare,
col cavo delle sue mani,
per giungere alla pace degli abissi?

ogni notte, quando il pensiero
del sonno l’impaùra
come un ronzio d’alveari immobili,
chiude a chiave la sua mente
paventando la comparsa della morte,
a depredare ricchezze di ricordi.

nella notte silenziosa qualche volta sogna,
sogna d’essere musica negli atri del cielo
a consolare il pianto dei tramonti.

ascolta, cupo silenzio dei monti:
un giorno lei scriverà una canzone,
la riverserà sui popoli senza prospettive.

sarà come la manna del deserto,
sarà acqua di nuvola sottile.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (6 voti)

Capolavoro ! Veramente suggestiva e trascinante! Quei secoli alberati, poi... Complimenti!

il 16/02/2021 alle 11:03

Bellissima !

il 16/02/2021 alle 11:24

Bella composizione suggestiva che trascina in quel mondo poetico pieno di desideri che si sciolgono in fine pioggia

il 16/02/2021 alle 17:42

Ad una sensibilità straordinaria fioriscono i dolci riconoscimenti, sei sulla buona strada Auguroni

il 17/02/2021 alle 18:54