Pubblicata il 10/02/2021
Quale nome ha il vento
che mi possiede, che mi flagella
le vele dello spirito
statiche, stanche di evasioni antiche?

quale nome ha il sole
che m’infuoca le vene contadine
e m’innamora dei campi di giugno
allagati di sanguigni papaveri di sogno?

quale nome ha l’azzurro
che mi seduce di spazio
per voli da effettuare
oltre il confine avìto,
dove mille occhi ti scrutano,
e nessuno ha visto,
ma tutti conoscono
il tuo segreto di piazza
steso come manifesto di sole
su un paesaggio siderale?

quale nome dare a questa terra
fasciata di luce
dove i versi dei suoi poeti
restano sicomori sterili, nel silenzio?

sarà forse Poesia
il nome che il labbro sospira,
che il cuore riscalda,
e sospinge le vele del pensiero
oltre le colonne del consueto?
  • Attualmente 4.14286/5 meriti.
4,1/5 meriti (7 voti)

La poesia la troviamo ovunque desideriamo vederla e, metterla per iscritto come hai fatto tu, diviene puro poetismo. Molto apprezzata, sia per la struttura che per il contenuto.

il 10/02/2021 alle 10:59

Molto musicale, mi è piaciuta.

il 10/02/2021 alle 11:11

Angela, cosa significa " diviene puro poetismo" non è una cosa brutta, vero?

il 10/02/2021 alle 11:55

Anna, non è nella mia indole dire cose brutte. Quando una poesia non mi piace passo oltre.

il 10/02/2021 alle 12:20

Vuol dire profondamente bella...Vera Poesia.

il 10/02/2021 alle 13:16

Credo che questa sia poesia, perché le tue parole illuminano la realtà e non sono sicomori sterili, ma semi fecondi che possono attecchire in qualsiasi terreno. Ciao.

il 10/02/2021 alle 15:39

Amici vi ringrazio. Buona serata.

il 10/02/2021 alle 20:03

Tanti argomenti importanti, descritti in modo esaustivo, conducono ad una sola magia: la poesia! Saluti, Anna!

il 10/02/2021 alle 21:00

Ciao Sir, grazie e buona giornata.

il 11/02/2021 alle 09:01