PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 07/02/2021
(10/01/2019 ore 03.54)

impossibili dèi,
continuate a burlarvi
dei miei doni.
e più salgono al cielo
le mie preghiere e i fumi
dei capri sgozzati,
più mi prostro supplice,
più mi sfrego di sale
lo sfregio sulla carne,
ancor più cieco è il vostro sguardo,
sordo il vostro orecchio.
risuoneranno alte le mie risa
davanti allo spettacolo empio
dei vostri simulacri in frantumi.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

E' il dolore di chi ha fede e scopre l'assenza di Dio.

il 08/02/2021 alle 11:49