Pubblicata il 14/01/2021
sobborghi

della Leopoli,

fuori dei monopoli,

sobborghi

della Seconda-Flagella-

gli alberi pieni di mele,

sobborghi

della Citta' Serpente-

vedi le cigliege,

e ti penti.

sobborghi

della bella Riga-

che cosa? dica!

sobborghi della Vilna, una capitale,

tutto - umano,

non c'e male.

sobborghi della Kiev con il Fiume-

pensieri, dumy-dumy.

sobborghi della Berlino-

gelati, birre e vini.

sobborghi

della Roma-

la fedelta' -insomma.

sobborghi della Genova-

tutte arance- intorno,

sobborghi dell'America-

un gran forno

della liberta' per tutti,

del diritto per una

bella e piccola felicita'.

soborghi-

i musei delle idee

ad alta eta'.

ivan Petryshyn
  • Attualmente 2.5/5 meriti.
2,5/5 meriti (2 voti)

Versi affascinanti anche se non li comprendo fino in fondo: sobborghi di alcune città dove c'è una sorta di fermento. La Città Serpente è Beirut? Perchè quelli di Roma sono associati alla fedeltà? Che significa dumy-dumy? E' qualcosa di astratto?

il 14/01/2021 alle 07:39

Anche io mi sono soffermata su questi versi con curiosità. Le città e le persone in un'armonia universale, forse la polis come veniva intesa in origine, con la partecipazione di ognuno al bene della vita comune, nel rispetto fondamentale di leggi e natura. Forse un'utopia oggi, ma è bello sperarlo ancora. Un saluto Ivano.

il 14/01/2021 alle 09:24

Mille grazie per le vostre opinioni. Dumy= pensieri, meditazioni. Grazie.

il 15/01/2021 alle 01:58