Pubblicata il 13/01/2021
tu M’hai arubbato er Còre

tu m’hai arubbato er còre bella mia
so’ innammorato pazzo e nun connetto.
ecco, che finalmente te l’ho detto
e quer che sento no, nun è bucia.

m’hai reso schiavo, e da sei mesi in poi
pensanno a te nun campo più sereno
perché lo sai, nun posso fanne a meno
de brama’ li baci mortacci tuoi. (1)

pe’ nun pensatte vado a l’osteria
me ‘mbriaco e m’ariposo ‘n po’ er cervello
ma poco conta perché sur più bello
me s’arisveja la malinconia.

se questo qua è l’amore, e che ho da fa?
me sento priggioniero, senza scampo.
sicuro durerà fino a che campo
ma, se ciavrò la forza de campa’.

dice: l’amore è fatto de poesia
ma che poesia, ladrona der mio còre.
me dessi armeno er tuo ma, pe’ favore
ridamme indietro ‘n po’ la robba mia.

che a me m’abbasta aveccene uno solo.
e poi, nun ciò lo spazio drento ar petto.
co’ ‘n còre solo sarò ‘n poveretto
ma libbero io posso pija’ er volo.

( 1) Ops, volevo di’ mordaci
  • Attualmente 2.33333/5 meriti.
2,3/5 meriti (3 voti)