Pubblicata il 11/01/2021
Il viso triste
di un mattino piovoso
reca gocce e arcobaleni
tanto desiderati.
colori gentili
i tuoi occhi,
con ciglia fuggenti
di timida intesa
lasciano dire
l'immensa paura di me.
così sola ancor mi ritrovo
e nei silenzi
del meriggio che fu
tu partisti lontano da me.
non un messaggio.
non un cenno di voce
atteso da me
da me soltanto.
ed è ora ormai di crescere
che
di nobili amori
assenti sono i miei giorni.
il demone urla dentro
il suo dolore,
si lecca le ferite
ma, non le cura.
taumaturgico è sapere
che esisti
tutto il resto
non conta.
  • Attualmente 3.83333/5 meriti.
3,8/5 meriti (6 voti)

Buon giorno a tutti, vi scrivo per esprimervi il mio pensiero riguardo alle regola del sito che permette a chi scrive di pubbicare più composizioni al giorno, che a parer mio, penalizza chi ne pubblica solo una. Va da sè, infatti, che chi pubblica più composizioni (alcuni ne pubblicano veramente tante) ha la possibilità di avere più meriti e passare di livello, rispettto ad un altro che ne pubblica solo una. In più, accade che una sola composizione di un autore che"merita" un punteggio superiore alle 2/5 pubblicate nello stesso giorno da un altro autore, si ritrovi ad avere meno voti. E, questo, se permettete non mi sembra equo. Consiglierei, vivamente ai colleghi che la pensano come me, di non esprimere meriti ai "seriali" quotidiani. Con rispetto Ardoval

il 11/01/2021 alle 11:51