Pubblicata il 09/01/2021
‘A speranze éje kum’a ‘na lèggia
chjume ka sóp’a l’alme s’appòje: kande
meludìje sènza paróle è nenn’a fernèsce
maje. Éje kakkèkkòse dinde de nuje
ka nesciune ce póde tukkà né luà:
ògnè sunne nu prujètte póde jenerà,
ògnè penzire ‘na kòse da fà, ògnè
fandasìje ‘na scèrte. Éje nu nuve
‘nizje! ‘A ‘ssènze d’a speranze stà
nd’u fatte k’a vulundà ubbreghéje
u pròbete vajasse, u ndellitte, a prukurà
u ‘ggètte vulute ò a furnì arméne
‘a fegure, a se peghjà u rule de kunzulà.
‘A speranze éje kume a nu rasuline
ngambagne: ne ng’éje maje state
nu rasuline, ma kuanne nu sakke de gènde
a kammenà vace, u rasuline fròmme pighje.
dóje kòse durature ce stanne ka lassà
putime n’èrèdetà è fighje nustre:
i rareke è i scille pe scelljà k’a speranze,
ka véde kuille ka nze véde, tòkke
kuille ka nze tòkke è ò mbussibele vace!

la speranza è come una leggera
piuma che si posa sull’anima: canta
melodie senza parole e non smette
mai. È qualcosa dentro di noi
che nessuno ci può toccare né togliere:
ogni sogno può generare un progetto,
ogni pensiero un’azione, ogni
fantasia una scelta. È un nuovo
inizio! L’essenza della speranza sta
nel fatto che la volontà obbliga
il proprio servitore, l’intelletto, a procurare
l’oggetto desiderato o a fornire almeno
l’immagine, a prendere il ruolo di consolare
la speranza è come una strada
nei campi: non c’è mai stata
una strada, ma quando molte persone
vi camminano, la strada prende forma.
ci sono due cose durature che lasciare
possiamo in eredità ai nostri figli:
le radici e le ali per volare con la speranza,
che vede l’invisibile, tocca
l’intangibile e raggiunge l’impossibile!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Buon giorno a tutti, vi scrivo per esprimervi il mio pensiero riguardo alle regola del sito che permette a chi scrive di pubbicare più composizioni al giorno, che a parer mio, penalizza chi ne pubblica solo una. Va da sè, infatti, che chi pubblica più composizioni (alcuni ne pubblicano veramente tante) ha la possibilità di avere più meriti e passare di livello, rispettto ad un altro che ne pubblica solo una. In più, accade che una sola composizione di un autore che"merita" un punteggio superiore alle 2/5 pubblicate nello stesso giorno da un altro autore, si ritrovi ad avere meno voti. E, questo, se permettete non mi sembra equo. Consiglierei, vivamente ai colleghi che la pensano come me, di non esprimere meriti ai "seriali" quotidiani. Con rispetto Ardoval

il 11/01/2021 alle 13:25