Pubblicata il 29/12/2020
Vorrei una spalla
su cui poggiare
la mia mente stanca.
adagerei il mio viso
sull'ovattata leggerezza
di una nuvola che vaga
nell'azzurro di un cielo
senza porte né bui corridoi.
sentirei il penetrante profumo
dello zucchero filato,
prima che diventi caramello.
sarei come un petalo di
fiore, che si è perso
in un bocciolo avvizzito
dal tempo, in attesa che
i cristalli di ghiaccio
diventino stille di pioggia
  • Attualmente 2/5 meriti.
2,0/5 meriti (3 voti)

Molto Dolce il Vostro Dire, Cassiopea... Bellissima...e Toccante nel Profondo.... Marcvs

il 29/12/2020 alle 19:20

Poesia bella e ispirata Complimenti

il 29/12/2020 alle 21:55

Grazie mille sia a Marcus che ad Ornellafait. Buona serata ad entrambi.

il 29/12/2020 alle 22:36

Dolcissima con tanto miele ti vien facile addomesticare i cuori di chiunque legge, è di questo miele che il mondo ha bisogno, tieni ben chiusa la miniera, apri soltanto a noi, Grande 10 & LODE!! ciao

il 31/12/2020 alle 10:43

Mamma mia che bellezza leggere i tuoi commenti. Sei troppo buono, grazie. Ti rinnovo gli auguri di Buon anno.

il 31/12/2020 alle 17:13

Carissima Santa! La mia spalla è a tua disposizione per il tuo dolce riposare! Buon Anno, amica mia!

il 31/12/2020 alle 19:02

Grazie, sei troppo buono e ti auguro un buon anno con tutto il mio cuore.

il 01/01/2021 alle 00:20