PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 06/12/2020
vèrgene tuttapure, ki maje
deskrive putarrìje u sblennòre
tuje? Ki rakkundà putarrìje
u mestére tuje? Ki sarrìje
kapace de pruklamà ‘a tuje
grannèzze? A Tè ka urnate haje
‘a nature d’i ummene, ka haje
subrate i skire de langele, ka
haje subrate ògnè krjature, ìje
te ‘nnègge; Salve, ò chjéne de grazje!
uìdeme a Tè: akkalametate
d’a grazje ka Te urnéje, ìje
cerkarraghje de seuì u jì tuje,
ò Mamme. Ne nzarraghje préta mòrte,
ma pasta vive prònde a levetà,
pujekè mbastate d’ò ammòre è d’è mane
de Dìje. Arrekurdete appure
de tutte i fighje tuje sóp’a sta tèrre;
sustine avvecine a Dìje i lòre
grazjune; sirbe fórtassaje ‘a fède
lóre; ‘a speranze lóre furtefekìje;
allundanìje da lóre i fragèlle
pruvukate d’ò pekkate; akkrisce
‘a karetà è arrjale a lóre ‘a pace
nd’a veretà, nd’a justizje, nd’a lebertà,
nd’u ammòre è nd’a Meserekòrdje
ka pòrte òrdene, armunìje è feduce
sènza manghe nu limete né kumbine.

vergine Immacolata, chi mai
potrebbe descrive lo splendore
tuo? Chi potrebbe raccontare
il tuo mistero? Chi sarebbe
capace di proclamare la tua
grandezza? A Te che hai ornato
la natura umana, che hai
superato le legioni angeliche, che
hai superato ogni creatura, io
ti acclamo: Salve, o piena di grazia!
guidami a Te: attratto
dalla grazia che ti adorna, io
cercherò di seguire il tuo cammino,
o Madre. Non sarò pietra morta,
ma pasta viva pronta a lievitare,
poiché impastato dall’amore e dalle mani
di Dio. Ricordati pure
di tutti i figli tuoi su questa terra;
avvalora presso Dio le loro
preghiere; conserva salda la fede
loro; fortifica la loro speranza;
allontana da essi i flagelli
provocati dal peccato; aumenta
la carità e dona loro la pace
nella verità, nella giustizia, nella libertà,
nell’amore e nella Misericordia
che porta ordine, armonia e fiducia
senza limiti né confini.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)