Pubblicata il 01/12/2020
alle prime
luci
mi viene
voglia di
dormire
e di dimenticarmi
se sono vivo
o morto dalle
poesie appena
scritte....
a volte mi
tengono
sveglio con
il loro amaro
e
mi addormentano
con il loro
senso di
profondo
torpore...
non dovrei
più
scrivere
ma dormire
per sempre
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (4 voti)

Molto triste questa tua. Ogni risveglio potrebbe portare anche cose belle quindi, finché si potrà, meglio svegliarsi e godere di quello che la vita offre, anche quando sembra poco.

il 01/12/2020 alle 09:52

ti ringrazio.... ci sono momenti che ci si illumina d'immenso e altri di altre cose... non dormo perché non è la gloria che mi spinge a farlo... ma è navigare a vista tutti i giorni per evitare spigoli improvvisi e pericoli che d'improvviso sbucano ovunque ed anche la salute che a sprazzi interviene danneggiandomi... la poesia non è solo sogno ma anche il modo di star svegli e non cadere in improvvisi agguati dei coccodrilli.... tu vivi spero in tranquillità e sono felice per te spero.... ma è come vivere i film di Indiana Jones per me... è bellissimo... ma a differenza che nel mio si può morire davvero... se decidessi di curarmi non più... sarebbe già decisa la mia fine... ed è per questo che scrivo... è come prendere le medicine e vivere ancora... ti ringrazio della tua sensibilità... buona giornata e grazie

il 02/12/2020 alle 06:27

La tranquillità è un miraggio per tutti, chi per un motivo, chi per l'altro... La salute, però, va salvaguardata a prescindere e se scrivere aiuta scrivi ma senza smettere mai di prendere le medicine. La vita è un dono prezioso.

il 02/12/2020 alle 07:42

ho cambiato idea... non ti manderò mai più a perdere tempo in Egitto... grazie

il 02/12/2020 alle 14:36

Grazie a te.

il 02/12/2020 alle 19:01