Pubblicata il 27/11/2020


u talinde kavecisteke chjù granne
d’u munne kustudute éje nda nu luke
preffètte: u kurje tuje, Dighe Armanne
maradòne. U depòsete d’u trasòre,
kuillu kufanètte d’òssere muskule
è tènnene ka nghjude frubizje assaje
kavecisteke, éje nzè stisse ‘na maravighje.
kuille ka haje fatte k’u pallòne
nen l’have fatte maje nesciune
è maje nesciune u faciarrà chjù.
fatte haje kòse ‘ccezjunale, tutte
kuille ka ce stéve da fà l’haje
fatte tu. Fatte haje d’a mberfezjòne
‘a perfezjòne. Pecceninne, gòmbje,
didete a nascete d’u sòle strakkue,
ndulènde è sbaghjate, vitteme de faveze
kumbagne è d’a vulundà de jì òdelà
d’ògnè rèvele, kagnate haje nu pallòne
assaje sèmblece de kuje nda nu skrigne
de bellizze. Kuanne kurrive k’a palle
ò’ pite ò skartave i defenzure, parive
tenè u pallòne ngullate è pite.
pulezzate haje u kavece da ògnè
male è abbellute l’haje k’ògnè béne,
pekkè dind’a tè kujengedèvene
u jènje è ‘a tèkneke. È kumbagne tuje
de skuatre nenn’haje maje fatte pesà
‘a suprjetà tuje. Nenn’haje maje
addummannate de te passà ‘a palle
ka ci’avarisse penzate tu. Nen uardave
a tè stisse pekkè ire jeneruse è penzave
a’ skuatre. Éje state addavaramènde
bèlle te vedè jukà. Kréde ka n’avete
kum’a tè deffecelmènde arreturnarrà
a kalpestà i kambe de kavece ke nd’a stu sèkule.

il talento calcistico più grande
del mondo è custodito in un luogo
perfetto: il tuo corpo, Diego Armando
maradona. Il deposito del tesoro,
quel cofanetto di ossa muscoli
e tendini che racchiude innumerevoli malizie
calcistiche, è in se stesso una meraviglia.
quello che hai fatto col pallone
non l’ha fatto mai nessuno
e non lo farà mai nessuno.
hai fatto cose straordinarie,
tutto quello che c’era da fare l’hai
fatto tu. Hai fatto dell’imperfezione
la perfezione. Piccolo, gonfio,
dedito ad albe stanche,
svogliate e sbagliate, vittima di falsi
amici e della volontà di andare oltre
ogni regola, hai trasformato un pallone
semplicissimo di cuoio in uno scrigno
di bellezza. Quando correvi palla
al piede o dribblavi i difensori, sembravi
avere la palla incollata al piede.
hai ripulito il calcio da ogni
male e lo hai abbellito con ogni bene,
perché in te coincidevano
il genio e la tecnica. Ai tuoi compagni
di squadra non hai mai fatto pesare
la tua superiorità. Non hai mai
chiesto di passarti la palla
che ci avresti pensato tu. Non guardavi
a te stesso perché eri generoso e pensavi
alla squadra. È stato veramente
bello vederti giocare. Credo che un altro
come te difficilmente tornerà
a calcare i campi di calcio in questo secolo.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)