Pubblicata il 22/11/2020
Lasciatemi qui,
nelle isole di Langerhans.
devo imparare di nuovo a vedere,
con occhi curiosi di bambino,
la normale bellezza delle cose.
voglio imparare di nuovo a camminare
lungo strade tortuose,
a piedi scalzi e ferite sanguinanti,
per provare a sentirmi vivo e respirare.
voglio imparare di nuovo a volare,
senza una rete che mi assicuri
che il mio volo non sia solo in levare.
e che possa atterrare in ogni dove,
per testimoniare la semplicità
dell'essere felici con poco.
lasciatemi qui,
nelle isole di Langerhans.
dove tutto è più dolce.
e attendere che il mio destino si compia.
e fare pace col mio passato, stanco
di inutili speranze.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

Le isole pancreatiche impongono di far pace col futuro, con il mare che la circonda ed un orizzonte di terre nuove. Auguri . Ciao

il 22/11/2020 alle 14:00

Ciao Mitri. Grazie. Da quarant'anni convivo con "la suocera" chiamata Diabete. Serena domenica.

il 22/11/2020 alle 14:11

Beh, quelle isolette che regolano il dolceamaro e si contendono lo scettro dell'equilibrio nel nostro corpo, una volta tanto non sono inserite in un trattato medico-filosofico-scientifico, ma in un dialogo fra il candore di un bimbo e il resto del mondo... quello di ieri, latore di domande e risposte, quello di oggi, così asettico e irraggiungibile, privo anche del dono primordiale dello scontro tra fazioni insulari, che in qualche modo ci davano segni di esistenza in vita. Tieni a bada la suocera, comunque, in quarant'anni oramai ne dovresti conoscere tutte le sfumature.

il 22/11/2020 alle 14:52

La suocera riserva sempre delle sorprese. A volte anche piacevoli. Grazie del consiglio e delle considerazioni Arlette. Un diabetico - quindi dolce - abbraccio.

il 22/11/2020 alle 15:03