Pubblicata il 22/11/2020
Ancor prima
che dalle tue labbra sgorghi,
ogni tua misera menzogna conosco,
come i più intimi tatuaggi
dello stupendo corpo
di promiscua fanciulla,

mia truffaldina Primavera,
fresca folata di vento,
che il ciclo stravolge
delle stagioni della vita,

e quando, deluso ed umiliato,
di smascherar l'arti tue meschine
l'orgoglio m'imporrebbe,

non soltanto

la mia voce ammutolisce
la tristezza d'oscurar il sorriso
della mia lontana giovinezza,
che, artefatto,
eppur incontenibile,
per accender le perle dei tuoi occhi
dal cuore gioioso
limpido sgorga,

di spegner del beffardo riso
la bellezza,
che, sul volto mio incanutito,
argentina risuona,

dai quali
di mondar negli atti miei l'impurità
misterioso il potere scaturisce,

ma soprattutto,

acuto e incomprensibile,
il dolore che in me,
al pensier solo di ferire
la scaltra tua anima naif,
già tormentoso avanzar sento,
cosicché per tonto beota
spacciarmi preferisco.

Ma se, del disperato baratto,
dei languidi colori dell'amore
pietosamente ingentilito,
nulla m'è sconosciuto,

perché

quando a te inutile
lontana a lungo m'ignori,

di sciagurata nostalgia
per l'incestuosa venale figliola adottiva,
che talora,
quasi sorella maggiore,
immune dall'ira e dal disprezzo,
al fanciullo in me superstite
con sufficienza si rivolge,

sanguina il cuore mio ?

Ma io sospetto,
ancor più di me stesso
ogni mio impulso e sentimento
ben conosci,
esperienza, intelligenza, istruzione, cultura,
astuzia non t'occorron,

l'istinto ti basta d'esser,
fino al midollo,
femmina.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

"Per tonto beota, spacciarmi preferisco". Direi che questa parte dice già tutto, quando la battaglia con l'astuzia femminile si sa già persa in partenza e si preferisce seppellire l'ascia.

il 22/11/2020 alle 13:05

Grazie Genziana, commento il tuo molto arguto e spiritoso.

il 22/11/2020 alle 21:19

Grazie Genziana, commento il tuo molto arguto e spiritoso.

il 22/11/2020 alle 21:19