Pubblicata il 21/11/2020
ti prego e riprego
mio sconosciuto,
non voglio vederti
svanire nel buio.

mio dolce sconosciuto,
io ti prego assai;
guardami, fisso!
e sorridi veramente.

amorevole mio
meraviglioso sconosciuto,
ti prego come mai feci prima
e mai più farò:

penetrami l'animo col tuo
presente sguardo.

mio sconosciuto;
risuona nel mio petto
un lontano eco incompiuto,
illuminata questo vuoto, che ho dentro.

il tema di questa poesia, per chi l'abbia colto e abbia piacere nel discuterne, mi è molto vicino; però è vituperato da una forma altamente insoddisfacente e inadatta. Come migliorereste?
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

prima degli altri chiedi il consenso a te stesso e,se soddisfatto tu resti... dona agli altri il secondo posto...Gabriela.

il 21/11/2020 alle 08:50

Il solo consiglio possibile è: leggere ,leggere e leggere. Auguri. Ciao.

il 21/11/2020 alle 13:53

Consigli preziosi

il 22/11/2020 alle 09:18

...Eco al singolare è femminile...poi cosa vuol dire: "illuminata questo vuoto"...

il 23/11/2020 alle 17:59

Errore di battitura

il 23/11/2020 alle 22:04