Pubblicata il 17/10/2020
Ho imparato ad ascoltare e a capire.
a costruire, prima di distruggere.
a considerare possibilità, scartando la sconfitta
e lo sconforto come base iniziale.
ho imparato ad essere, usando il necessario.
non l'impossibile.
e a mettere sempre in cima alla torta
la ciliegina che a volte può fare la differenza.
ho imparato a vivere semplicemente vivendo.
senza avere la presunzione di sentirmi intoccabile.
scientemente.
sapendo perfettamente che il bene non esiste
senza la nemesi dai mille nomi,
che pone mille domande e offre mille risposte.
ho imparato l'amore, avendo sempre mangiato
e fatto assaggiare la polpa di questo sentire.
qualche volta correndo in bagno a vomitare.
altre volte nel bisogno intimo di donarmi e donare.
ho imparato l'arte senza metterla da parte.
promuovendone l'essenza come luogo di riflessivo candore.
ho imparato che ho ancora tanto da imparare.
ed è questa consapevolezza che fa la differenza in ogni cuore.
e' questa la sostanza di ogni cuore.
imparare.
  • Attualmente 3.8/5 meriti.
3,8/5 meriti (5 voti)

Ci sono tante cose belle a alcune meno belle (6, 11, 12, 13, 14, 17, 19, 20, 23, 24). Mi vergogno un po', ogni tanto mi viene di fare il maestrino. Sono i numeri dei versi che ho gradito meno.

il 17/10/2020 alle 08:12

Ciao Vincent. Nessun problema, ci mancherebbe. Sono io che mi vergogno della mia presunzione di proporre queste piccole cose. Grazie di avere, in parte, apprezzato. E' un onore.

il 17/10/2020 alle 08:25

Bellissima, mi è piaciuta

il 17/10/2020 alle 19:02

Grazie di cuore Nettuno. Sei gentile. Piacere di conoscerti.

il 17/10/2020 alle 22:13