Pubblicata il 10/10/2020
Er tramonto a Nettuno.

l’aria è dorce, spira ‘n venticello da ponente,
che ariva propio come ‘n soffio seducente,

rinfresca la serata che è ‘n amore,
facenno bene all’anima e ar core,

er sole è ‘n globo arancione che se fionna,
proprio dietro Portod’Anzio se sprofonna,

mano mano che s’appresta l’imbrunire,
preannuncia che er giorno sta a finire,

pe’ passare la notte ar sicuro,
l’ucelletti nun aspetteno lo scuro,

infatti quanno er cielo è ancora chiaro,
stormi de passeretti cercheno riparo,

sulle fronne dell’arberi der paese,
creanno strane forme ner cielo nettunese.

fino a che nun cala tutto er sole,
l’atmosfera se riempie de ‘n colore,

tutto s'illumina, chiese, borgo e castello,
che sembra come ‘n quadro fatto a pastello,

nettuno divampa tutto in un rossore,
e ai nettunesi se ’ntenerisce er core.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (6 voti)
Rox

Ciao. Sono belle e piene d’intensità vissuta le tue poesie. Quelle in romanesco mi scuotono ancora di più. Grazie di condividerle. Rox

il 12/10/2020 alle 09:26

Grazie Rox, molto felice dei tuoi apprezzamenti, ti conosco da adesso non mancherà di leggere qualcosa di tuo, per ora ti saluto caldamente.

il 12/10/2020 alle 13:14