Pubblicata il 26/09/2020
Poeta allegro
parli del mondo,
parli della natura,
racconti il tuo amore eroico,
racconti i tuoi giorni di festa.

un fenomeno retorico è la tua voce.
un profumo di consenso in rima è la tua poesia.
manca il sacrilegio sprezzante,
non si vede il caos irrazionale,
non si coglie l’urlo fatale.

la tua è una splendida giornata di sole
di origine celeste,
con il fascino della femmina in grazia.

io piango,
mio poeta allegro.
creo e scompongo il mio universo.
vivo sulle rovine dei miei sogni.

ho voluto infrangere ogni poesia
sfidando i grandi poeti.

quale modo migliore per
ingannare l’esistenza.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

Ti parlo da amico, non rischiare con la poesia, potresti pentirti.Il rimpianto è pesante da portare. Ciao.

il 26/09/2020 alle 17:41

Perché? Perché non rischiare? Perché non pentirsi? Perché non avere rimpianti? Perché non trasportare pesi che fanno affondare? E' questo che fa un poeta! (Vedi Omero, Shakespeare, Nietzsche e... pochi altri). Grazie dell'attenzione, a presto ;-)

il 26/09/2020 alle 18:16