Pubblicata il 14/09/2020
Ridenti nel piazzale,
scolari colorati,
dal sole son baciati,
mentre stanno a giocar.

Poggiate al davanzale,
guardano le maestre,
s’aprono le finestre,
per fare il sole entrar.

Un vecchio col giornale,
sbirciando di soppiatto,
nascosto quatto quatto,
timido sta a guardar.

E in fondo al lungo viale,
una giovane mamma,
canta la ninna nanna,
al figlio da cullar.

Gli alunni nel piazzale,
finita è ricreazione,
riprende la lezione,
non vogliono ascoltar.

La fame ora li assale,
è quasi mezzogiorno,
dalle cucine intorno,
profumo di mangiar.

Poi un suono celestiale,
vibra la campanella,
già al braccio han la cartella,
lesti stanno a scappar.

nota: ripropongo oggi questa canzonetta sperando che sia d'augurio e di buon auspicio per tutti gli studenti che oggi ricominciano.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (5 voti)

Piacevole omaggio per tutti gli scolari che oggi ,ritornano alla loro scuola ...un augurio di cuore che il loro percorso non incontri barriere...

il 14/09/2020 alle 18:02