Pubblicata il 11/09/2020
m'inquieta dove
appoggiare oggi la testa..
l'ho vuota ed ho paura
che i bambini
mi tireranno le orecchie,
la barba, mi strapazzino il naso...
e' meglio che la tenga
dritta sulle spalle e che
dia a questi miei
numerosi figli il
buon esempio di una
madre che ormai
non c'e' piu'..
prima devo essere
una madre e poi
un buon padre..
e tutte le mattine mi
ritrovo la testa vuota,
per dedicarmi ai bambini
concentrato...
e la notte non faccio altro
che adottare
i consigli di mia moglie
che mi vengono
dall'alto dei cieli....
lei ride da lassu',
per il padre imbranato
che dimostro di essere e invece
si complimenta con me
per il ruolo di madre
che svolgo...
dice che sono piu' madre
che padre...
e come uomo vorrei
tornare indietro alla guida
di quell'auto maledetta...
appoggiare la testa, quando
i bambini dormono....
per me e' impossibile..
i bambini crescono e mi
chiedono di continuo
della loro madre..
a me non resta..
che accusare le piaghe
dal troppo dolore
che mi affliggono....e so
che non guariranno mai...
  • Attualmente 4.25/5 meriti.
4,3/5 meriti (4 voti)

Bellissimo testo che riesce a coinvolgere sentimenti teneri verso un buon papà che riesce a svolgere anche il ruolo di una mamma che, dall'alto del cielo lo osanna ...piacevolissima lettura.

il 11/09/2020 alle 13:50

non sono padre... ma giocherellone con loro mi ci sentirei volentieri insieme alla loro madre...grazie ciao

il 11/09/2020 alle 14:52