Pubblicata il 07/08/2020
Non è più terra di giganti quella che calpesto
non più terra di ideali, di buoni propositi
non è più il turno delle buone azioni
o di attimi sinceri,
è già il momento di concludere il percorso
arrivato veramente troppo presto
alla sua dimora.
d'altronde anche le parole hanno un altro peso,
ora che persino i piccoli gnomi
si nascondono in giardino
là, dietro alla silvestre siepe, irta di spine.
non è più tempo di eroi
la folla ormai non li acclama
abituata com'è al balletto del momento
fatto da chi reclama su di sé quell'attenzione
un dì, dovuta al fesso del giorno.
in pochi riescono a liberarsi da quell'oblio
e librarsi ben sopra il confine di un orizzonte
fatto di libertà vissuta
conquistata con le rudi mani
da chi ha combattuto per il domani,
fosse pure così incoscientemente disprezzato
dal genere umano, che sfuggente
la pace più non afferra.
no non è più tempo di giganti
molti si sono nascosti
negli antri bui di caverne
cedendo al sonno riparatore,
in attesa di un nuovo segnale
un dolce fischio muto, da te che altro non sei
che un povero uomo figlio disconosciuto
da questa Santa madre terra.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

Testo profondamente bello perchè vero...non esistono più "Giganti" da osannare o da imitare...e chi crede nell'uomo di oggi guarda il mondo con il paraocchi...

il 10/08/2020 alle 09:35