Pubblicata il 12/03/2003
Il mondo, offuscato interamente dall'attesa,
tornera' a essere un luogo di abbondanza
se tu ritorni

persino i tulipani saranno piu' gialli
ti portero' a vedere la terra velata dall'acqua
ti seguiro' nell'ora del tuo diapason maggiore

berrai dal cavo della mia mano
e sciogliero' la treccia lungo la torre dei silenzi

Un sonno leggerissimo per sognare appena
mentre il mio corpo sara' condito per la tua fame

passera' nelle stanze il profumo dei vigneti
una campana in lontananza ci restituira' il tempo
i gatti torneranno a sonnecchiare nelle aiuole
io e te torneremo a ridere in giardino.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)