Pubblicata il 22/07/2020
Amore mio ancora da amare.

e certo che ti ho conosciuta
quando eri più florida,
piena ma non mai grassa
rotonda perchè morbida
tenera del colore della rosa
appena fiorita aperta,amorosa
odorosa di quel profumo
di giovane sbocciata e da cogliere
sorridente, pacata e gentile,
premurosa e pronta; dolce, sì,
agli occhi,al palato, al naso mio
inebriato e bramoso di farti mia
e solo mia e per nessuno sia.
e certo amore mio,
che non posso scordarlo
quel che sei stata;
tanto che ora nella malattia,
così delicata e fragile
mi viene istintivo il sentimento
di proteggerti con il mio corpo
avvolgerti con il mio abbraccio.
mi viene spontanea la voglia
di carezzare con mano leggera
il tuo ormai piccolo viso,
i capelli ora grigi e fatti ribelli
le ossa minute, la pelle stanca
le rughe di un volto sciupato
i discorsi tuoi un po' vaghi
che mi commuovono
e mi disperano al solo pensiero,
alla paura di non averti più accanto,
ah, bambina, la mia piccolina
non mi lasciare mai,
non mi abbandonare, come farei
senza la tua tenera dolcezza,
non saprei proprio che fare
e allora corro in un angolo a pregare
a sgridare il mio Dio che ti deve salvare.
amore mio, ancora da amare.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

Scorrevolmente appassionante! Piaciuta molto

il 22/07/2020 alle 12:08