Pubblicata il 19/07/2020
a mia moglie

come due carte da gioco introvabili
due donne sul trono del cielo
accarezzano la fine
della loro partita.

i capelli sconfinano
la fredda terra
in un amplesso infuocato.

come i frutti della rosa canina
le loro labbra ricevono la luce calcificante
della luna.

l’effluvio di lacrime
non è per il rimpianto.
È la divisa di salsedine
che dona ai loro volti
l’ergastolo della passione.

sarò per sempre tua
mia amica di sangue
dalle grandi vene
che nutrono i pulcini
degli zingari.

senza di te il sangue
non è più un giuramento.

senza di te
il sudore di
chi mi dorme accanto
É una cucitura banale con
un viaggio interrotto.

e i mariti sono le spine
nella nostra zuppa di pesce.

perché siamo carne di un amore selvaggio.

bere ascoltando musica
nell’ebrezza incivile di due donne
che si danno rifugio
meglio del Buddha

nere di fuliggine
notturna.

prossime alla menopausa.

con i loro pasticcini
di tabacco e erba.

e le mani… altruisti alveari
donano il miele erotico
scritto sui propri figli.

e gli uomini sono i tagli
nelle cime che ormeggiano
Le nostre barche.

profuma di chiesa
l ‘unghia del tuo piede.

pinacoteche di ritratti non possono eguagliare
il freddo condiviso
da questi due volti
con la stessa identica febbre
senza fronte.

ormai è leggenda:
la loro ultima festa sulla spiaggia è stata una marcia marziale
di due guerriere che si dicono all’orecchio
nella battaglia più breve della loro vita:
ti amo.

nessuna controfigura per questo ultimo
balletto.

ma tu, anche se non c’eri, hai sentito:

il grido della cenere
prima che danzi con le onde.
di lei che se ne vai così
come mangime per gli angeli.

illesa conoscenza
di ognuno
e di nessuno.
  • Attualmente 4.42857/5 meriti.
4,4/5 meriti (7 voti)

Troppo profonda per non essere scandagliata alla ricerca dei suoi tesori.

il 20/07/2020 alle 07:35

Arrivati al termine serve rileggerla, dedicandole più tempo. Una poesia che parla più idiomi se ci si sofferma e oltre a leggere si ascolta.

il 20/07/2020 alle 15:12

Mangime per angeli. Potente visione, virile ossessione, distopica utopia

il 04/08/2020 alle 06:46

Grazie

il 05/08/2020 alle 09:21