Pubblicata il 17/07/2020
non pensare alle foglie sparse al vento:
nessuno può fermarle.
come un albero lungo un corso d’acqua,
tu avrai vita e danzerai nel sole,

figlia, per molti anni e primavere,
oltre a quelle quaranta
fiorite sotto il cielo.
nel tuo fogliame cantano gli uccelli,

quegli uccelli che nutri coi tuoi sogni,
che ti svegliano all’alba
e che tu accarezzi
con gli occhi della madre e della sposa.

essi sono la voce del tuo amore
che canta per le strade del tuo mondo.
ascolta! E, come un albero,
nel nome di Colui che non ha nome,
ogni mattina vestiti di sole.

ore 10,00
giovedì 22/09/2016
*A mia figlia Antonella
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

molto bella!

il 17/07/2020 alle 11:37