Pubblicata il 16/07/2020
e' ancora qui, come se fosse lei,
lei che fugge tra gli alberi,
tra i campi dove ondeggia
un mare di papaveri,
lei che beve il respiro del ciliegio,
ancora lei, come la primavera.

lei che danza e che canta
la canzone del merlo, tra gli ulivi,
lei che ancora mi chiama dalla nuvola
della mia gioventù.
invia tramite email
postalo sul blog
condividi su Twitter
condividi su Facebook
condividi su Pinterest
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (3 voti)