Pubblicata il 20/06/2020
Dormono le parole,
quando ciò che vorrei
dire e gridare
non posso,
perché incomprensione,
derisione e pregiudizio
fanno male.
dormono le parole,
se spregevoli domande m’investono
ammaccando l’appena costruito
entusiasmo di vivere.
domande di gente
la cui ignoranza è nel suo sapere,
gente che nella saccenza sguazza
e che non può immaginare
quale sia il mio primo pensiero
del risveglio di ogni giorno.
e continuano a dormire le parole,
nella mia piccolezza d’animo,
nella mia inferiorità verso tutto,
verso tutti.
il sonno è delle parole,
giacché nella mia stanza
di luce crepuscolare
vorrei rinchiudermi
 per dedicarle solo lacrime,
che imbrattano questo foglio
che umilmente si presta
per farsi prendere a pugni
dalla mia penna.
dormono le parole
in questo giorno in cui apprendo
che la mia età
ancora non è,
poiché in questa Vita
non sono mai nata
e per nascere, ahimè,
tardi è:
il tempo mi è stato derubato
dal dolore
che l’anima mi dannò
al mio primo batter d’occhio.

cassandra
  • Attualmente 2.75/5 meriti.
2,8/5 meriti (4 voti)

Un po' lunga ma intensa e vera... Le parole sono armi a doppio taglio, fanno bene e male, secondo il tono, la circostanza....

il 21/06/2020 alle 06:00