Pubblicata il 03/06/2020
Sei nella psiche, 
quando torno indietro nel tempo. 
sei nella psiche, 
quando vorrei rimuovere tutto 
quel che mi hai fatto nel male, 
poiché il bene, per te, 
 era soltanto una mela proibita. 
sei nella psiche, 
quando vorrei giocare ancora 
 a far la carnefice 
vittima del tuo male, 
per riprendermi ciò ch’era mio: 
il cuore in attesa delle tue lodi. 
sei nella psiche, 
quando penso che tal mio gioco 
sia finito troppo presto 
 e che avrei giocato meglio, 
se non avessi avuto 
 il mio sposo da amare. 
 Sei nella psiche, 
quando credo che non potrò mai 
dimenticare le tue mani 
che solcano il mio corpo 
 nudo e immaturo, 
e quando ho la certezza che
 i tuoi occhi non hanno avuto pietà 
 dei miei lacrimanti d’innato dolor. 
sei nella psiche, 
 quando penso che avrei potuto 
amarti, 
 vivendo insieme nell’Inferno, 
 ma tu conosci solo il Paradiso 
 derubato e comprato. 
sei nella psiche, 
 quando credo che non sconterai mai 
le tue pene, 
perché sei bravo a scappare 
 creando le tue scorciatoie d’ipocrisia. 
sei nella psiche, 
quando credo che potrei 
far parte della tua vita, 
per proteggerti dal tuo supplizio 
 che grava da sempre sulle tue spalle, 
l’ugual supplizio nascosto 
 nel tuo nome. 
sei nella psiche, 
quando vorrei starti vicino 
 per lenire le tue sofferenze, 
solamente per alleggerire 
 la mia empatia. 
 Sei nella psiche,
quando il tempo sosta
 sotto quelle gocce 
profumate di passione 
e quando avrei voluto che 
questo tempo fosse stato 
l’Infinito noviziato 
dal nostro amore mai nato.

cassandra
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

brava :-)

il 04/06/2020 alle 08:55

Grazie

il 05/06/2020 alle 12:34