Pubblicata il 28/05/2020
Vienimi a trovare, poesia
lontana, lontanissima
che abiti nell'aurora boreale

coi tuoi colori elettrici
entra nelle mie viscere
rendimi vulnerabile

sono un corpo in attesa
della tua luce opalescente
dove la Verità riposa.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (6 voti)

La leggo come un bisogno estremo, mi viene naturale pensare che l'hai scritta di getto, come rapito dall'intensita' stessa e quindi totalmente istintiva.

il 29/05/2020 alle 10:28

Sì è vero, senza la poesia la confusione regna sovrana e anche l'incertezza. Anche (e soprattutto) le scienze cercano di far chiarezza, ma la poesia è qualcosa di più immediato, lontana e vicina.

il 29/05/2020 alle 10:56