Pubblicata il 26/05/2020
‘O spaghettino

adda’ passa’ nu guajo
chi dice che so’ chiatta
e nun vede ca areto ‘o lardo
tanta fatica è stata fatta.

nu spaghettino a puttanesca,
purpette fritte e mulignane a’ scapece,
pizzelle 'e sciurille e cigole co' ppane,
so' assagge int’a na jurnata sana.

na zeppola e nu panzarotto
muzzarelle 'e bufala e ricotta
c’o vino bbuono d’a votte
fa bene a mente e cuorpe.

lussuria e peccato
so’ na sfugliatella riccia e una frolla,
e mente ‘a pastiera appriparo,
int’o bicchieriello 'o limoncello calo.

l'abbundanza d’o spirito
si vede da chelle de’ fianchi,
'o rispetto p’a vita
d’a grandezza d’a panza.

addà ave’ na mala sciorta
chi me tene sempe mmocca
mente addesiria 'o spezzatino
d'a sapurita cucina mia.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

mi hai fatto ridere, l'elenco delle leccornie da acquolina in bocca, manca qualcosa però.....

il 26/05/2020 alle 21:13

'O cafè...

il 26/05/2020 alle 21:58

Sei grande Delfina, complimenti!

il 27/05/2020 alle 08:07

Sono d'accordo con te, Delfina. Mi colpisce l'abbondanza di spirito connessa ai fianchi, infatti a cercare lo spirito altrove sono sempre quelle secche e tristi come un chiodo.

il 27/05/2020 alle 08:46

il 27/05/2020 alle 10:05

il 27/05/2020 alle 10:06