Pubblicata il 25/05/2020
Bramo vittoria
dei civili disubbidienti,
difendo una dimora
tra rétro e novella
di adulti aggiustati dai bimbi.
soffro, lì fuori
un radicato progresso distruttivo
di macchine dalle sembianze umane
ed umani a comando automatico.
scommetto a vita
sui sospesi cuori
di chi s'ingegna in natura
e rifiuta volgari scorciatoie.
come gli uccellini
attendono i loro bocconi
in un'abbandonata baracca,
quelli come me,
ombreggiati dai decadenti palazzi,
si rintanano nella fratellanza
di altri incontaminati
e migliorano nel pensiero,
sperando di poter evitare
le menti digitali
di questi ultimi e futuri tempi.
lì fuori, numerose famiglie crollate
dall'intervento di organi giudiziari
che ragionano tramite regolamenti
e mimetizzano
le consapevolezze dei genitori.
oggigiorno viene definita
delega alla "giustizia",
quando un padre ed una madre
disputano sull'affidamento dei figli:
lui disarmato, lei battendo la fiacca
si sottopongono
a leggi ladre di concordia.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

Grazie, lettura interessante, ma, più che leggi ladre, io noto varie interpretazioni, spostate a gradimento, per un progresso che ritorna ai regni, agli estesi ducati, a contare marchesati … tribù tra marchette per un posto al sole … e in sì tanta spiaggia.

il 25/05/2020 alle 21:13

Hai ragione, un'orribile giungla... Ma tante volte le leggi vengono usate per abusare il proprio potere, rubando qualcosa agli innocenti.

il 26/05/2020 alle 10:47

Lettura di una vita odierna ,un saluto

il 26/05/2020 alle 13:08

Un saluto anche a te!

il 26/05/2020 alle 13:41