Pubblicata il 20/05/2020
la nottata è tanto fredda, qualche grado sullo zero
m'avvicino alla finestra, tiro indietro la tendina

una palpebra di luna disegnata tra le stelle
in un cielo di velluto di un inverno ora vivace

tutt'intorno c'è silenzio rotto sol dal miagolio
qualche gatto sopra i tetti, sarà forse innamorato

tanta quiete che si sparge dentro il buio, li tra le vie
mentre un metronotte passa, cigola la bicicletta

quanta pace che si spande tra le case e i miei pensieri
mi rimetto dentro al letto raccapezzo le coperte

quanta calma ho dentro al cuore, come un battito leggero
chiudo gli occhi e mi ripeto buonanotte e sogni d'oro
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)