Pubblicata il 15/05/2020
E' accaduto
forse un giorno, una notte
al risveglio
sentire il silenzio della città vuota
percepire un mare di solitudine
il ricordo recente della fine
di un tempo non molto lontano
e' accaduto, rinchiusi,
lontani dagli umori
dal fremito incessante ,
ecco siamo caduti nell'oscuro vuoto della inquietudine
e' da qui che bisogna ripartire per uscire dal nostro angoscioso deserto
iniziare la nuova via della speranza
io so di poterlo accettare il vuoto
quest' assenza tutto intorno
in questa pandemia incontrollata
ti son vicino e tu mi sei lontana
averti accanto a me , un giorno intero
vorrei, per ricordarti l'indomani
  • Attualmente 3.8/5 meriti.
3,8/5 meriti (5 voti)