Pubblicata il 08/05/2020
Sei una venere
che si impadronisce della mia vita
sei unica del genere
perché sei il mio rimedio e la mia ferita

sei il mio punto di partenza
da cui vado e inizio il mio giorno
sei il petto che mi dà accoglienza
in cui mi finisco e a cui ritorno

sei gli occhi con cui vedo e di cui ciecamente mi fido
sei la bocca in cui mi affondo se ti bacio
sei la gioia che si dipinge sulla mia faccia quando sorrido
sei la sincerità che viene dopo un mendacio

sei la mia fiducia e la mia gelosia
sei il mio cuore che batte al di là dei pregiudizi della gente
sei il mio equilibrio e la mia follia
sei la rappresentazione più sublime di una donna che rimane tatuata per sempre nella mia mente

sei l'acqua che finalmente bevo dopo tanta sete
sei bella come una mela e dolce come il miele
sei la miccia che fa esplodere le mie voglie segrete
sei la tenerezza in un mondo crudele

sei una regina che di pudore indossa una corona
sei il sentimento più forte che mi fa girare la testa
sei un bel brivido che mi emoziona
sei il motivo che trasforma i miei giorni grigi in una festa

sei un barlume di speranza alla fine di un vicolo cieco
sei la stella che di notte illumina il mondo
sei le braccia sicure in cui mi reco
sei la verità in cui credo fino in fondo

sei il mio inferno e il mio paradiso
sei una dama che può fare male
sei una sirena che mi incanta con il suo viso
sei una donna senza cui tutto in questo mondo diventa uguale

sei lo splendore del mio sole
sei la luce che mi guida nelle tenebre
sei la fonte d'ispirazione da cui proviene una marea di belle parole
sei il mio amore immenso che mi fa tenere alta la febbre

sei l'aria che becca i miei polmoni
sei la mano delicata che mi allevia i dolori quando sono stanco
sei la lacrima che mi aspetta se mi abbandoni
sei la brama che vedo con gli occhi quando ti manco

sei la mia sfiga e la mia fortuna
sei la mia magia e la mia afflizione
sei un piacere che vorrei confessare alla luna
sei la sensazione più speciale a cui non rinuncio mai come se fossi una maledizione

sei la zingara del mio cuore
sei una farfalla che quando sbatte le ali mi fa volare
sei la causa del mio buonumore
sei la donna con cui il mondo intero vorrei girare

sei un dono che dopo una lunga attesa mi ha regalato il destino
sei la mia forza e la mia fragilità
sei la mia destinazione finale dopo uno stressante cammino
sei la mia impotenza e la mia capacità

sei il mio vizio e la mia virtù
sei la mia terra e il mio cielo
sei i miei bei giorni di gioventù
sei la botta di vita che non ho perso per un pelo

sei il mio tormento e il mio conforto
sei l'orizzonte che mi raccoglie quando mi smarrisco
sei il raddrizzamento della mia strada quando ho torto
sei il miracolo inaudito che mi affascina e che ancora non capisco

sei la bussola del mio percorso
sei il fuoco che arde sulla mia pelle
sei il peccato di cui non ho mai rimorso
sei la bellezza che invade la mia vita e il mio mondo rendendoli dolci come se fossero un paio di caramelle

sei la mia estasi e la mia primavera
sei la pace che finalmente prevale dopo una feroce guerra
sei la serenità che segue una forte bufera
sei la pioggia che dopo la siccità bagna la terra
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)

Sei....

il 08/05/2020 alle 05:05

Non un solo pensiero originale illumina questa lunga filastrocca: frasi fatte, rimasticate, modi gergali, ovvietà banali e... l'impegno per questa povera amante di essere direttamente una parte del Creatore. Ti fa onore il sentimento, l'impegno di descriverlo è faticoso e inconsistente. Ti aspetto con migliori prove di poesia.

il 08/05/2020 alle 09:03

Il tuo discorso vale se io mi definisco come un poeta vero e proprio ma io sono un libero scrittore che ama scrivere le sue emozioni ed i suoi sentimenti in rime..... Quindi sto scrivendo in modo amatoriale perché non sono un poeta ma un dilettante di poesia....... Comunque ti ringrazio per il tuo commento a cui manca la critica costruttiva secondo me.....

il 08/05/2020 alle 13:32

Siamo tutti "dilettanti di poesia" in questi siti di scrittura: questo non ci esime, però, dallo sforzo di presentare testi dignitosi dal punto di vista squisitamente letterario. Dici che il mio intervento manca di critica costruttiva? Smentiscimi presentando un testo che sia anche lontano parente di un "poesia". Questa. a mio modestissimo parere, non lo è: i motivi te li ho spiegati: forse sei tu che non vuoi vederli. Ripeto che sono pronto a rileggerti in lavori meno da scrittore amatoriale, come ti definisci, e più da dilettante poeta, come tutti noi… Ciao!

il 09/05/2020 alle 00:46