Pubblicata il 05/05/2020
N'popolo de santi, poeti, scurtori
ma soprattutto de boni lavoratori!
'A Repubblica, fonnata sur lavoro,
ce faceva navigà n'mezzo a l'oro!
tutti se mettevamo a letto 'a sera,
'a mattina de novo li piedi 'a tera!
er Sole s'arzava ar canto der gallo,
più arto stava, più diventava giallo!
'A gente se rimetteva n'movimento,
ognuno de lavorà era stracontento!
de lavoro ce ne stava n'abbondanza,
a nessuno rimaneva vota 'a panza!
da quanno se so' formati li Sindacati
so' arivati guai a' l'operai e impiegati!
se pjano li sordi pe' rappresentacce,
co' l'imprese finischeno a parolacce!
ciànno n'segnato a diventà lavativi,
facendoce scioperà pe' futili motivi!
troppe ditte hanno chiuso li battenti
e c'è sparito er pane da sotto li denti!
creano ovunque 'a disoccupazione
pe' facce vive n'Cassa Integrazione!
st'andazzo ha creato solo lavori neri,
dati ai tanti immigrati dai filibustieri!
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (5 voti)

Ben detto!

il 05/05/2020 alle 14:05

Ciao Vittorio...i tuoi piacevoli testi contengono tante, troppe verità...bisognerebbe attaccarli in luoghi dove chiunque avesse la possibilità di leggerli e, meditarci su...quello che eravamo una volta ce lo portiamo addosso con tanta nostalgia...tempi passati che non torneranno più...non avevamo nulla allora ma ,eravamo ricchi di tanta fantasia che, anche la miseria più nera,si colorava dei bellissimi colori della primavera ....

il 05/05/2020 alle 14:19

Grazie Gioiacontraria, un cordiale saluto!

il 05/05/2020 alle 14:57

Cara Gabriela, grazie del tuo gradito e generoso commento. Hai fatto una foto perfetta del nostro vissuto e condivido pienamente il tuo pensiero! Ogni volta che ti leggo mi riempi il cuore di gioia, grazie ancora! Un abbraccio.

il 05/05/2020 alle 15:33