Pubblicata il 05/05/2020
Nel "Film blu" del compianto regista polacco Kieslowski (1993), tra i temi affrontati si sottolinea il potere della musica come veicolo delle emozioni: la musica attraversa stati d'animo in momenti differenti, i ricordi sono permeati dalla melodia, una sorta di metempsicosi potrebbe realizzarsi con l'ausilio di un semplice jingle o di una canzone o magari una fuga di Bach.

questo fenomeno l'ho sperimentato di persona e ancora oggi che ci penso, la mia devozione per la musica aumenta.

l'anno scorso è scomparsa mia sorella, dopo un periodo di malattia. Lei era più grande di 19 anni, un salto generazionale che mi faceva sentire il piccolino di famiglia. Quella notte non riuscivo a dormire a causa di una musica che mi risuonava nel silenzio e un nome: Mandy.

un brano del 1974, che avevo sentito non più di due volte nell'arco della mia vita: al mattino cercai sul web "Mandy" e trovai il pezzo. Barry Manilow, successo discografico del 1974. La ascoltai: era la canzone che per tutta la notte mi aveva accompagnato nel buio. Quello stesso giorno mia sorella volò in cielo. Il miracolo si era compiuto, la magia della musica era partita da un'anima e per tutta la notte si era insinuata nel mio dormiveglia. Ora so che quel brano conservava un significato profondo nella vita di mia sorella, forse ascoltato in un momento particolare della sua giovinezza. Nel 1974 era nata la sua prima figlia. Non so.

... e quindi, quando ascoltiamo una canzone o una musica, essa si attacca così profondamente nell'anima, esattamente come un grande amore che fino alla fine dei nostri giorni lo custodiamo gelosamente nelle pieghe del nostro vivere.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

Bel pezzo,è una cover del discreto successo inglese "Brandy"..la conosci la leggenda sul fatto che Manilow in realtà sarebbe Jim Morrison?È comparso dal nulla nel 1973,non ha un passato,stessa altezza e timbro vocale sovrapposto su alcune note,Mandy sarebbe l'acronimo di Me and You,una dedica di Morrison alla fidanzata..plastica facciale per fuggire dalla morte del club 27..ahaha,io personalmente non ci credo però è affascinante, ciao

il 05/05/2020 alle 18:53

Che bella storia, non la conoscevo...addirittura Jim Morrison! A proposito del club 27, oggi ho ascoltato un pezzo dei Nirvana.

il 05/05/2020 alle 20:32