Pubblicata il 03/05/2020
quando sei di fronte a una vera opera d'arte capisci questo: essa è un microcosmo totale, che contiene tutta la gamma dei toni, da quello più acuto a quello più basso.
la cima del monte dove concepimmo,
ti ricordi? le prime eiaculazini fra gli inghiottitoi bianchi dove è capitombolato qualche mio prozio.
mirko, non può migliorare con il collirio il tuo occhio guercio, ma un occhio è sufficiente per vedere doppio.
gli abissi del carso sono gelosi del loro riposo, crostacei di ferro e larve di formiche danzano invulnerabili fra le pietre scintillanti.
i tuoi avi titini hanno razziato la mia gente cantando la loro canzone, e la bandiera rossa si attorciglia ancora sul ramo più alto del paese.
mirko, siamo due imenotteri ma la nostra metamorfosi non è completa…versa ancora vino nero che ho da dipingere un microcosmo…
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (3 voti)

Eiaculazini non è una licenza poetica...è proprio un errore Eiaculazioni dovrebbe essere giusto anche se è un termine odioso...

il 03/05/2020 alle 13:51

I tuoi testi mi fanno fare un viaggio...allucinato..mi piace

il 03/05/2020 alle 14:55

...scusa, Vale. perché "eiaculazioni" dovrebbe essere giusto ? certo che è giusto...e poi tutti noi "siamo" in seguito ad una eiaculazione...

il 03/05/2020 alle 16:35

ciao cantorom, chiaro, era un piccolo dubbio su come si scrivesse, non avevo voglia di andare su google, ma lo sostituirò con orgasmi.

il 03/05/2020 alle 18:40

Mark è reciproco, non pensare di non essere allucinato anche tu, magari in modo diverso ahahahah ciao!

il 03/05/2020 alle 20:38

Ah poco ma sicuro,una bella gara ahah,ciao

il 03/05/2020 alle 20:48

In bel e particolare scritto ,un saluto

il 03/05/2020 alle 23:22

Quello che mi ha colpito di questo tuo scritto è la semplicità del titolo che fa da contrasto al tuo testo che può avere diverse interpretazioni a mio parere...

il 03/05/2020 alle 23:32