Pubblicata il 21/04/2020
L’Ottava è costituita da otto versi endecasillabi, struttura abababcc

adoravo ascoltar il rumore
della carta, fino a che udii
il suono che fa leggerti il cuore
dacchè imparai a fidarmi un dì
dell’angoscia dentro a quel colore
che ha la notte nel bemolle d’un si
per flauto mentre ritraggo pensieri.
visione nel cielo degli artieri.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (4 voti)

:')

il 21/04/2020 alle 09:06

Per eccesso di pignoleria, dato che hai specificato lo schema, il secondo e il quarto verso non sono in rima ma in assonanza. Però ti capisco: le tronche in "ì" non si trovano al mercato! ;-) ciao

il 22/04/2020 alle 00:28

...verissimo

il 25/04/2020 alle 17:33