Pubblicata il 14/04/2020
*
*

si attaccano parole alle parole mute
al cuore confinato nel silenzio
con fremito nel petto che si spacca

“Lo senti?”
è un male boia questo immoto intorno
esagitata assenza dentro il ventre

è un vagare infinito tra pensieri
tra fughe di perché dal non ritorno
ed un sostare quasi in apnea
al bivio della vita

“avverti la sua presa?”
essere preda al sorgere del sole
su strade senza fiato a primavera
è fatto che devasta

ammassi di parole alle parole mute
transiti al buio sotto le lenzuola
coi palmi delle mani sudati d’impotenza
in attesa dell’alba che s’attarda

ora che muta s’è fatta la parola
non posso più gustare il tuo respiro

*
*
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (6 voti)

Splendida, dall'inizio alla fine.

il 14/04/2020 alle 18:14

"un vagare infinito tra pensieri/tra fughe di perchè dal non ritorno/ed un sostare quasi in apnea/al bivio della vita" Se la poesia è conoscenza di sè stessi e del mondo è anche un ri-conoscersi, mi ci ritrovo dall'inizio alla fine, sopratutto nella strofa che ti ho citato...un grande abbraccio

il 14/04/2020 alle 19:39

Piacevole lettura. Complimenti!

il 15/04/2020 alle 08:03

Genziana, arturo e Vittorio. grazie e un saluto.

il 15/04/2020 alle 12:12

la terza strofa ha una marcia in più. ciao.

il 15/04/2020 alle 12:21

Trovare nel vuoto una via (d'uscita) dal dolore e dallo smarrimento, questa quiete virale irreale che per certi versi somiglia ai nostri vuoti che ci portiamo, come un fardello, per buona parte del nostro cammino.

il 15/04/2020 alle 12:25

ad ogni tuo passaggio, tracce indelebili… saluti...

il 15/04/2020 alle 15:33

ciao Vincent.

il 15/04/2020 alle 15:40

… Rav. non farmi emozionare, dai.

il 15/04/2020 alle 15:42

Mi associo ai commenti che precedono. guija.

il 15/04/2020 alle 17:20

Nel tuo testo mi sono persa ed ho vissuto il tuo sentire...toccante pensiero

il 15/04/2020 alle 18:19

bellissimo pensiero il tuo, gabriela. ti abbraccio. ma.g.

il 15/04/2020 alle 19:50

Si avverte quella presa, come ponte sottilissimo, e la sensazione di doverlo attraversare da soli sull'abisso.

il 16/04/2020 alle 18:20