Pubblicata il 03/04/2020
sui muri nei cuori
^^^^^^^^^^^^^^

rosso porpora non ancora coagulato – filtra dalle porte.
le donne – violentate dei figli – urlano con tutto il corpo sequenze di morte.

soldati illividiti – solitari diamanti
non ancora sgrezzati – trasportano
salme contaminate per l’estrema volta.

dai tentacoli delle strade arrivano i canti della vittoria
ubriaca – da tutti i computer in vita esala la storia al futuro remoto.
vi hanno mentito – dovevano rendere noto il disegno
delle stragi nel tempo annodato. Non resta che il segno del sangue
sui muri – nei cuori.

(guga
“Poesie sparse” senza data)
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)