Pubblicata il 24/03/2020
Vorrei capire le persone, il più delle volte non ci riesco. La diversità è una ricchezza, non c'è dubbio, a istinto credo sia necessario capire se stessi, prima degli altri. Non riesco ad essere espansivo con una persona che mi volge le spalle, al massimo posso tentare un timido approccio, alcuni ti chiudono completamente le porte, come si dice nel linguaggio moderno, "ti bannano".

nella mia vita, non ho mai "bannato" nessuno, tranne quando ho compreso la reale malvagità e pericolosità del soggetto in questione. Alcuni riescono, con fare suadente, a insinuarsi nelle nostre vite, per poi colpire e agguantare la preda. La fiducia è una cosa seria, bisogna conquistarsela, ma non è giusto "bannare" per partito preso.

quando ero al liceo, una mia compagna (che tra l'altro mi stava simpatica) mi ha "bannato" per tutti i cinque anni, per partito preso. Ora che ci penso, a distanza di molti anni, non mi accorgevo che la ragazza in questione non socializzava veramente con nessuno, tranne che con due ragazzi. Sembrava estroversa, divertente, solare ma, nel profondo, era una persona fragile, insicura, che non si conosceva. Cinzia era il suo nome.

in questi tempi bui, con l'avvento delle nuove tecnologie, sono emersi gli "haters", coloro che odiano tutti, arrabbiati col mondo, dispensatori di attacchi gratuiti...prima dove stavano? Di sicuro sonnecchiavano dietro ai banchi di scuola, al lavoro, nelle famiglie, persone malate di un grave disagio: semplicemente odiano se stessi e la loro vita.

quando mi sono iscritto in un sito di poesie, nel lontano 2009, non pensavo di essere un poeta (e non lo penso ancora oggi), ma ho interagito con molti veri poeti, non ho mai agito in malafede né offeso qualcuno, eppure la diversità si fa sentire anche in questi ambiti caratterizzati da anime gentili. A volte, vorrei capire cosa pensa del mio scrivere chi non mi ha mai considerato, poi penso che anche molti altri "poeti" vorrebbero capire la stessa cosa e mi vien da sorridere: siamo curiosi, insicuri, umani ma non comprenderemo mai il motivo che, a volte, ci allontana dagli altri.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (4 voti)

Si noi poeti siamo anche umani, ma amiamo giocherellare con le parole non sapendo che esse sono magiche ; per chi le scrive hanno un significato ,per chi le legge quasi sempre un altro. Per questo credo che sia necessaria da parte di tutti un minimo di tolleranza. Ciao Vincent.

il 24/03/2020 alle 16:08

Bella riflessione e bel commento di Mitri.

il 24/03/2020 alle 17:47

Grazie mitri e grazie Benandato, un saluto a voi.

il 24/03/2020 alle 19:32

Gli scritti non sempre vengono interpretati per come sono scritti e questo ne fa' la diversita' ognuno riesce a dare un significato diverso ma nello steso tempo quello giusto per chi legge,un saluto

il 24/03/2020 alle 23:05

Grazie gpaolocci, un saluto a te.

il 25/03/2020 alle 19:59