Pubblicata il 23/03/2020
pieno di superbia ed alterigia
un cespuglio di alloro crescer
volle a dismisura per in altezza
vincer i fiori del giardino lì
vicini, e all’ortensie, al biancospino
per non parlar delle azalee piccine
lor diceva forte: di voi più in alto
godo del vento gentile la dolcezza
e quando il sole spunta primo son
a sentirne i caldi raggi, passò
un poeta e tanto di lui tesse
le lodi per il verde delle foglie,
l’aromatico profumo e del fusto
il portamento che per quel lirismo
fu premiato e di alloro da bella corona
incoronato,lascio al lettor indovinar
da dove quel serto fu tagliato onde
del rimator cinger la folta chioma,
che ortensie biacospino azalee
io so che ridon felici in un giardino
mentre piange un cespuglio mutilato
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

L 'ostentazione ha il suo prezzo. Ben scritta e di grande insegnamento.

il 23/03/2020 alle 13:14

Bella e profonda.

il 23/03/2020 alle 19:12

Filosoficamente profonda

il 23/03/2020 alle 23:44