Pubblicata il 21/03/2020
Dite a mia moglie
che l’amo,
ditele che ci rivedremo
dite ai miei amici
che sarei voluto stare ancora con loro.
dite ai miei figli
che li ho amati più della mia vita
e il dolore più grande
è quello di lasciarli.
non so come mi sono trovato
in questa situazione,
è capitato a me,
ma poteva succedere a chiunque.
vi prego, in questa che sembra
la fine del mondo,
seguite le regole,
non mettere a repentaglio
la vostra vita e quella degli altri.
non ci meritavamo
tutto questo,
non so neanche se è vero
che "andrà tutto bene".
a me non è andata bene,
non so neanche dove mi stanno portando
chiuso in questa cassa,
dentro questo camion militare
che mi porterà ancora più lontano
dai miei affetti, dai miei amori.
so solo che avrei voluto
amare ancora.
e ancora
avrei voluto vivere.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (6 voti)

Bellissima, struggente. No, andrà tutto bene non diciamolo più, porta male

il 21/03/2020 alle 07:54

Molto toccante, fa riflettere su come vivere il tempo a noi concesso.

il 21/03/2020 alle 15:25

Ho pianto su questo testo così toccante... l'ho vissuto come mio ed io, atea, sono tornata a pregare "IDDIO".

il 21/03/2020 alle 18:36

Poeta, avrai ancora tempo per amare come tu sai! Complimenti per questa tua prima poesia. Bravo, aspetto di leggerti ancora.P.S. ANDRA' TUTTO BENE!!!

il 21/03/2020 alle 19:53

Parma e Gabriela/ non esiste una creatura che possa riconoscersi totalmente dell'ateismo un essere pensante ha sempre motivi di dubbio che si esalta nella paura.Poesia dell'infinita solitudine dell'Essere difronte all'imponderabile

il 02/04/2020 alle 03:33