Pubblicata il 10/03/2020
Dopo aver letto che sono stati rinnovati i privilegi ai nostri parlamentari, m'è venuto spontaneo scrivere una poesia in proposito.

Ògge dind’a ‘na sucetà kambame
d’u tuttekuande è d’u subete, andò
pure ki gròsse kapacetà ne ndéne
‘mmòstre mètte kuille k’have tukkate
è arréte a frase fatte s’annaskunnéje.
kuiste sópattutte ògge succiudéje
nda puliteke andò skustumatèzze,
menefrekisme, duppjèzze è stubetetà
u Pajése nustre hanne purtate
sópe u varetre d’u falleminne
tutale. ‘A demukrazìje, ‘a ‘kunumìje
de merkate, u stà anzime k’i Pajìse
kumunetarje è nen nzultande
arravughjate sònne d’è chjacchjere,
d’u avuturetarisme è d’ò delìrje
messjaneke de ‘na sarvèzze a spise
d’i bune krestjane. Kunne ne nze
rènnene, sti puliteke nustrale,
ka u lóre fà è dì nenn’appecciarrà
u sóle né Markòfje è a kuvrì,
fórze, arrjusciarrà sckitte u spècchje
andò se vanne a respecchjà. Addevendate
sònne, pe l’Italje, kum’a ‘na pedemìje
de nu cigghje ka, si nze kure unuà,
mbètte tuttekuande, addevendande
kum’a nu tarme ka rusukéje, pèrò,
sckitte i bune krestjane. Abbesugne
k’a puliteke, luànne da mizze ògnè
tipe de prevelègge, arreturnéje
ò’ suvrizje d’u pròsseme, ò’ suvrizje
d’i krestjane. È p’u fà ne nge stace
d’abbesugne d’avè ‘na laùre
ò grusse titule. Necessarje éje
sckitte se sapè arrappurtà ‘mmanire
aduàte a l’avete, kunnevenènne
dritte, duére è degnetà
ke rèvele ùuàle pe tuttekuande
è sènza manghe ‘na mbunetà. Éje
kuèste l’Italje puliteke ka vònne
i krestjane è ka l’avarranne, pekkè
‘a mesure arramaje chjéne éje.

oggi viviamo in una società
del tutto e del subito, dove
anche chi non ha grandi capacità
esalta quello che ha raggiunto
e si nasconde dietro frasi fatte.
questo avviene soprattutto oggi
in politica, dove maleducazione,
irresponsabilità, doppiezza e stupidità
il nostro Paese hanno portato
sull’orlo del fallimento
totale. La democrazia, l’economia
di mercato, i rapporti con i Paesi
comunitari e non solo
sono avvolti dalla demagogia,
dall’autoritarismo e dal delirio
messianico di una salvezza a spese
degli onesti cittadini. Conto non si
rendono, questi nostri politici,
che il loro fare e dire non accenderà
il sole né la luna e a coprire,
forse, riuscirà solo lo specchio
in cui si riflettono. Diventati
sono, per l’Italia, come un’infezione
di una ferita che, se non si cura rapidamente,
infetta tutti, diventando
come un tarlo che rosicchia, però,
solo gli onesti cittadini. Bisogna
che la politica, abolendo ogni
tipo di privilegi, torni
al servizio del prossimo, al servizio
dei cittadini. E per farlo non è
necessario avere una laurea
o grandi titoli. È necessario
solo sapersi rapportare in maniera
adeguata agli altri, condividendo
diritti, doveri e dignità
con regole uguali per tutti
e senza alcuna impunità. È
questa l’Italia politica che vogliono
i cittadini e che avranno, perché
la misura è ormai colma.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Spero che questo tu testo sia letto e meditato dai più, c'è in esso tanta saggezza e verità che ,non possono non aprire occhi ed orecchie a ciechi e sordi....piacevole lettura.

il 11/03/2020 alle 19:13

Grazie!

il 14/03/2020 alle 12:18