Adi
Pubblicata il 09/03/2020
Slomit nella notte

nella notte fredda di nero dolore
accorate giungono le note
a respingere i fantasmi
di una storia senza parole

nella stanza
lei perlustra ogni centimetro di libertà
a memoria del passato,
assiepato negli angoli
pronto ad ogni passo
a rinvigorire il buio

slomit tentenna,
ricompone trame sfilacciate
danza nella notte,
la vita
strappata e vilipesa,
devastata dal potere becero
innalzato a decretare
sordide differenze.

ci sono voci senza parole,
che urlano straziate nel tempo

rifugge la mente
dal lucido delitto.
-------------------------------------------------------------------------
la signora Slomit è stata deportata nei campi di concentramento durante gli anni della follia nazifascista. Sopravvissuta a quel dolore immenso, la notte ascoltava musica ad altissimo volume per allontanare il ricordo delle atrocità subite.
umile granello per la memoria
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (4 voti)

Bellissimo e toccante testo su cui è bene fermarsi a meditare, sperando che certe tragedie non accadano più...

il 09/03/2020 alle 21:21

un piacevole granello :-)

il 18/03/2020 alle 10:28