Adi
Pubblicata il 06/03/2020
una stella

volevo scrivere di una stella
che a volte cerco quando viene sera.
verde brillante come l'erba sulla terra
che tu amavi
lo so
sopra ogni cosa.

non so amare la tua terra,
che è anche la mia
di cui sento l'aria fresca della sera
ancora oggi
sulla pelle.

non so amarla
perché la sua coltre avvolgente
quasi mi soffocava.

non so amarla perché
avrei dovuto rinunciare a me per lei

non so amarla perché
mi ha insegnato l'odio per gli steccati
per le false buone maniere
per le convenzioni
per i destini già segnati
che crescevano rigogliosi insieme a me.

non so amarla
per i diritti che diventano elargizioni
merce di scambio.

non so amarla perché
volevo sentirmi cittadina
e non succube
di un sistema parallelo forte e florido.

non so amarla perché
essere curati è un diritto alla salute
e non un privilegio per ricchi.

non so amarla perché
in fondo sento un dolore
profondo e sordo
per questa terra martoriata e silente
che tace le brutture e nasconde il dolore
sotto gli ulivi delle piane e sugli aspri monti.

non so amare la mia terra, papà,
e per questo sento
meno amore per me.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (6 voti)

Quanto amore dietro il disamore! Bella. Credimi.

il 06/03/2020 alle 15:47

C'è molta rabbia nel tuo scritto perchè ami ancora tanto la tua terra!

il 06/03/2020 alle 16:27
Adi

Contraddizioni del cuore con cui convivere!

il 06/03/2020 alle 16:38

complimenti :-)

il 18/03/2020 alle 10:27