Pubblicata il 18/02/2020
Ai tempi de' Checchinella c'iavevo un calesse tirato
da un cavallo tarmente magro che pareva se perdesse
e' costole! Passa n'bullo romano che me strilla:" Do'
vai n'giro co' quella carcassa de' fisarmonica?"
je risposi: "Da quella sciagurata de' tu' madre a faje
na' serenata!"
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

fermete... te devo da imparà 'r romanesco! nun lo posso vede conciato così!!! A li tempi de' Checchinella / ciavevo 'n calesse tirato da 'n cavallo / tarmente magro che pareva se perdesse 'e costole! Passa 'n bullo romano che me strilla: " 'ndo vai 'n giro co' quella carcassa de fisarmonica?" / je risposi: "Da quella sciagurata de tu madre a faje 'na serenata!"

il 18/02/2020 alle 13:20

Grazie del soccorso Gabry, lo so' che lo ciancico male, peggio de come lo magno! Prima de te m'ha bocciato Guga, sò proprio n'somaro! Scusame, un abbraccio!

il 18/02/2020 alle 18:26

Voleva esse‘ de chetichella, ma n‘è passata inosservata. Piaciuta, grazie. Un saluto

il 18/02/2020 alle 19:14

IL BELLO DI TE: ACCETTI TUTTO! :) Sai... nun l'ho fatto pe' 'fa vede che io so mejo... ma, essendo romano pe' davero... beh... me capisci vero? E tu? da dove digiti? CIAO Vittò!!!

il 19/02/2020 alle 13:57

Simpatico Gabry, per non essere ripetitivo, ti prego di leggere il mio scritto dal titolo: A' dipartita! Lo trovi nell'archivio delle mie pseudo poesie. Nei commenti c'è quello fattomi da Guga e la mia risposta. Sono certo che comprenderai i motivi della mia lacuna nell'esprimermi nel dialetto romanesco. Tra na' cojonata e n'artra cerco di regalare un sorriso a chi mi legge. Non è semplice e quasi mai ci riesco! Perchè lo faccio? Per combattere la noia e non sbattere la testa al muro tutto il giorno, a rischio di demolire le pareti di casa! Sono onorato dell'attenzione che mi hai prestato e felice di annoverarti fra i nuovi amici! Con affetto, ciao!

il 19/02/2020 alle 15:30