Pubblicata il 13/02/2020
a tè, Purke, stu kande addedekà
te vòghje, grusse karusille sènza
buke sóp’a skine. Saprite amike
mìje ka grugnisce, skungertate
d’u munne te ne staje, aspettanne
kè ’a fèste te facime, pe te smundà
mbizze è petazze è i nzakkate fà
pe u palatane nustre addekrjà,
pure si i marjule chjù u pite
tuje appreferiscene ausà.
tuttekuande sckife de tè hanne
pekkè andò kake allà magne,
ma, kuanne t’accedime, te facime
fèste è ninde de tè jame a jettà,
appure u sanghe arrekughjìme
pe nu dórce saprite appreparà
k’i passele è ‘a ciukulate
ka sanghenazze véne chjamate.
grórje è lude a tè amike mìje
ka u pòvere tande m’arrekurde
ka pe putè kambà nd’a munnèzze và
a cerkà kakkèkkòse da rusukà.
tu, jeneruse amike ka daje
tutte sènza ninde arréte addummannà,
pure u nòme mbrestate ce haje
p’use ne fà kòndre ki ammóre ce dà.
mbatte i vastase kè t’hanne kumbunate?
nd’i gastéme lóre t’hanne mbelate
k’u nòme de Dìje è d’a Madònne;
nenn’avastave a te akkumunà
a’ prima fèmmenucce, a’ mesèrje,
a kane è vakke, kòse ka maje
t’è pjaciute pekkè d’i mbrekazjune
de l’ummene pròbbete ninde te mbórte,
anze a méne cirte faciarrisse
d’èsse ke vakke è kane ammesckate.

a te, Maiale, questo canto dedicare
voglio, grande salvadanaio senza
buco sul dorso. Saporito amico
mio grugnante, distratto
del mondo te ne stai, in attesa
che la festa ti facciamo, per smontarti
in pezzi e pezzettini e gli insaccati fare
per il nostro palato deliziare,
anche se i ladri più il piede
tuo preferiscono usare.
tutti schifo di te hanno
perché dove defechi lì mangi,
ma quando ti ammazziamo, facciamo
festa e nulla di te andiamo a buttare,
anche il sangue raccogliamo
per un dolce saporito preparare
con l’uva passa e la cioccolata
che sanguinaccio viene chiamato.
gloria e lode a te amico mio
che il povero tanto mi ricordi
che per poter vivere nell’immondizia va
a cercare qualcosa da rosicchiare.
tu, generoso amico che doni
tutto senza nulla chiedere in cambio,
anche il nome ci hai prestato
per farne uso contro chi ci dona amore.
infatti i zotici cosa hanno combinato?
nelle loro bestemmie ti hanno infilato
con il nome di Dio e della Madonna;
non bastava accomunarti
alla prima donna, alla miseria,
a cane e mucca, cosa che mai
a te è piaciuta perché degli insulti
dell’uomo nulla ti importa,
anzi a meno certo faresti
di essere mischiato con mucche e cani.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)