Pubblicata il 09/02/2020
u jurne d’a mammòrje ce sèrve
p’arrekurdà ka d’i ‘rrure è ‘trucetà
kòndre i deskremenazjune spisse
seme state nuje stèsse i ‘djature
sènza ce rènne kunde pekkè maje
avezame ‘a vòcia nòstre è ka spisse,
pe kumudetà ò ‘ppurtunisme,
ce naskunnime nd’a ndeffrènze.
arrekurdamece, ògge, de kuande,
sapènne è sendènne ‘a mòrte
avvecine, ‘a senzazjòne hanne avute
ka u kambà lóre s’apputéve strènge
dind’u punje de ‘na mane, akkume
a nu fjóre, akkume a ‘na nuvele,
akkume a ‘na frònne ka kade
da n’areve ò akkume a ‘na òcce
k’allassakrése mbònne ‘a facce
anzime a ‘na lagreme de chjande!

il giorno della memoria ci serve
per ricordare che degli orrori e atrocità
contro le discriminazioni spesso
siamo stati noi stessi gli autori
senza renderci conto perché mai
alziamo la nostra voce e che spesso,
per comodità o opportunismo,
ci nascondiamo nell’indifferenza.
ricordiamoci, oggi, di quanti,
sapendo e sentendo la morte
vicina,hanno avuto la sensazione
che la loro vita si poteva stringere
nel pugno di una mano, come
un fiore, come una nuvola,
come una foglia che cade
da un albero o come una goccia
che all’improvviso bagna il volto
insieme ad una lacrima di pianto!

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

Profondamente toccante.....tanta verita in queste tue righe .... dovrebbero farci meditare

il 10/02/2020 alle 12:00