Pubblicata il 08/02/2020
«Ninnananna, ninnanònne:
u fighje mìje bèlle se vóle addòrme.
Sannekóle mìje, òh Sannekóle:
manne ‘a sórta bóne a stu uaghjòne.
Ninnaòòò….. Ninnaòòòò……»
p’a mammòrje passe è se ne vace,
mèndre a l’atu munne pe partì stace
ammizze a ‘na strate de nu pajése
ka sckitte pe sendute dì kanuscéve,
nu lambecille de kuèlla ninnananne
kè ‘a mamme da krjature i kandave
tenènnele nzine mèndre u nazzekave.
dinda nu munne de mesèrje kambave
sènza putè maje ‘a kape avezà.
da nu kuarte a n’avete p’i strate jéve
sènza maje ‘na fatike putè truà,
né nu luke andò i rareke chjandà.
nu manefèste è mure appezzekate
i juvanòtte ‘mmetave a fremmà
pe jì ke nu kundungènde de pace
nda pajìse andò ‘a uèrre stace.
finalmènde ‘a fatike éve truate:
u surdate de pace fatte avarrìje!
mò u fridde passe pe kuèlla vìje
è kuillu kurpe marturjate arravòghje
kum’è fasce, kuanne ‘a mamme u kagnave,
pe dà ò krjature suje recitte è pace.
mò kume a nu kane pe ndèrre stace!
fórze l’uteme penzire i vace
a’ straveze vita suje sóp’a tèrre:
ngèrke de fatike pe kambà è jute
è ‘mméce ‘a sórte murte l’ha vulute!
ngile uardene duje ucchje sgarrate
nda nu lavaròne de sanghe kuaghjate
nda ‘na strate sènza nòme de nu pajése
ka sckitte pe sendute dì kanuscéve,
andò pace, ammòre è lebertà
sònne paróle sóp’ò vinde skritte.
«Ninnananna, ninnanònne:
u fighje mìje bèlle se vóle addòrme.
Sannekóle pe lu munne è jute
è pure u fighje mìje ha ‘ddurmute.
Ninnaòòò….. Ninnaòòòò……»

«Ninnananna, ninnanonna:
il figlio mio bello vuole addormentasi.
san Nicola mio, San Nicola:
dona un futuro sereno a questo bimbo.
ninna-o…. Ninna-o….»
per la mente passa e vola via,
mentre sta per esalare l’ultimo respiro
in mezzo alla strada di un paese
che solo per sentito dire conosceva,
un flash di quella ninnananna
che la madre da bambino gli cantava
tenendolo in grembo mentre lo cullava.
in un mondo di miseria viveva
senza poter mai alzare la testa.
girovagava per le strade
senza mai poter trovare un lavoro,
né un posto dove mettere radici.
un manifesto sulle mura affisso
i giovani invitava a firmare
per andare con un contingente di pace
in paesi sconvolti dalla guerra.
finalmente aveva trovato un lavoro:
il soldato di pace avrebbe fatto!
ora il freddo passa per quella strada
e quel corpo martoriato avvolge
come le fasce, quando la madre lo cambiava,
per dare al suo bambino riposo e serenità.
ora solo come un cane per terra si trova!
forse l’ultimo pensiero va
alla sua strana vita sulla terra:
in cerca di lavoro per vivere è andato
e invece il destino l’ha voluto morto!
verso il cielo guardano due occhi sbarrati
in una pozzanghera di sangue rappreso
in una strada anonima di un paese
che solo per sentito dire conosceva,
dove pace, amore e libertà
sono parole scritte sul vento.
«Ninnananna, ninnanonna:
il figlio mio bello vuole addormentasi.
san Nicola per il mondo è andato
e anche il mio figliolo ha addormentato.
ninna-o…. Ninna-o…»
  • Attualmente 4.25/5 meriti.
4,3/5 meriti (4 voti)

Triste e Toccante testo che sembra una lunga cantilena..... racchiude invece una storia triste che può essere vera...piaciuta lettura.

il 14/02/2020 alle 19:18